Benvenuti nel sito dell’Istituto Comprensivo Statale “S. G. Bosco – T. Fiore”!

Il nostro Istituto, nato dalla fusione tra il 4° Circolo Didattico “S. G. Bosco” e la Scuola Secondaria di 1° grado “T. Fiore” nell’anno scolastico 2012 – 2013, diventa unitario anche con l’apertura di questo sito, che va a sostituire i due siti precedenti: www.4cdsgbosco.it e www.scuolatommasofiore.it.

 

Virtual Tour

Clicca qui

Open day Scuola dell’Infanzia

Open Day plesso “Livrieri”

MODULO DI ISCRIZIONE ALLA SCUOLA DELL’INFANZIA

Video di presentazione Scuola dell’Infanzia

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO PER I GENITORI DEGLI ALUNNI “PON-COMPETENZE DI BASE” SCUOLA INFANZIA”

Questionario

Blue Day

Quello che facciamo è soltanto una goccia nell’oceano. Ma se non ci fosse quella goccia all’oceano mancherebbe”(Madre Teresa di Calcutta)

Il 2 Aprile 2019 si celebra in tutto il mondo la giornata sulla consapevolezza dell’Autismo, il blue day.
La sezione F della scuola dell’infanzia Collodi, si è preparata all’evento visionando il cortometraggio “LUNETTO”, con conversazione e libera espressione delle emozioni,poi ha realizzato cartelloni e pensieri illustrati sul tema della giornata…e per concludere la mattinata, nel giardino della scuola c’e’ stata un’esplosione di bolle di sapone…

La Vendemmia – Plesso “S.Livrieri”

Fare per imparare utilizzando i cinque sensi.

La Vendemmia 01

La Vendemmia

È abbastanza facile accorgersi come i bambini tra i 3 e i 6 anni vivono esperienze di rapporto diretto con la natura con straordinaria intensità mettendo in gioco spontaneamente abilità, capacità intuitive e percettive. Pensiamo alla curiosità, alla capacità di osservare con le mani e con tutto il corpo, all’attenzione alle cose apparentemente banali, alla meraviglia, allo sguardo attento e riflessivo davanti a della semplice terra o ad una formica. Nella scuola dell’infanzia l’interesse spontaneo dei bambini è spesso occasionale e una qualunque situazione può essere fonte di nuovi stimoli, ogni proposta può essere partecipata in modo completo quando questa è in grado di suscitare emozioni e interessi canalizzabili verso forme di sostanziale crescita della loro personalità.

 Per assecondare interessi e curiosità verso il mondo naturale, possono bastare anche lembi banali di natura, in questo senso il giardino scolastico è un luogo quasi ideale, fa parte del vissuto quotidiano dei bambini, dà loro sicurezza e libertà di movimento e può, attraverso semplici e stimolanti attività, diventare vero protagonista della vita scolastica. Con un lavoro di collaborazione tra insegnanti, bambini e genitori, da costruire nel tempo, il giardino può essere ripensato nella sua struttura, arricchito e diventare un luogo stimolante nel quale organizzare diverse e importanti attività. ( Rivista “Infanzia” )

A conferma di ciò,in occasione dell’autunno, le insegnanti delle quattro sezioni del plesso “S.Livrieri” hanno organizzato, nel giardino “La vendemmia”. I bambini hanno portato i grappoli di uva, che i collaboratori scolastici e le insegnanti hanno sistemato nel giardino, creando una piccola vigna molto scenografica.

Grazie alla bella giornata soleggiata e calda i bambini, muniti di forbici, grembiuli e bandane hanno raccolto i grappoli depositandoli poi nei tini. Terminata la raccolta ognuno di loro ha partecipato alla “pigiatura”, ha eliminato il raspo, schiacciato gli acini con le proprie mani, annusato il profumo del mosto, gustato il succo prodotto dalla pigiatura.

 Al termine di quest’ultima fase il mosto è stato lasciato a “bollire” in un recipiente, poi filtrato e imbottigliato dagli stessi bambini e .… a San Martino ogni mosto è diventato vino!

 

“Dal bruco alla farfalla”

“Dal bruco alla farfalla”

Durante l’anno scolastico 2016/2017 le insegnanti: Storsillo  Tina, Abiusi Nunzia (della sezione C del plesso Collodi) Franco Mariapina, Lorusso Anna, Piizzi Chiara, Direnzo Marialucia, Grassi Angela, Dibenedetto Domenica (delle sezioni A, B, C del plesso piazza De Napoli) hanno realizzato il progetto “Dal bruco alla farfalla” il progetto ha avuto inizio a marzo 2017 quando a scuola  sono arrivate delle piccolissime uova di bachi da seta.

 Esso è stato pensato e strutturato per i bambini delle tre fasce d’età. I piccoli alunni sin da subito sono rimasti affascinati, facendo ricorso nelle loro riflessioni e verbalizzazioni alla sfera fantastica. Il percorso ha promosso l’esperienza diretta da parte dei bambini che si sono attivati attraverso un attento lavoro di regia all’interno del contesto scolastico. E’ stata preparata da parte delle insegnanti una situazione motivante, dove i bambini sono stati sollecitati a riflessioni, a porsi domande, a operare( i bachi sono diventati parte integrante della sezione, ogni bambino ha potuto liberamente avvicinarsi, accudirli e osservarli).

All’inizio di maggio i bruchi hanno cominciato a formarsi in  bozzoli e dopo in  crisalide e finalmente a inizi giugno una mattina entrando in classe tra lo stupore e l’entusiasmo di tutti, bambini e genitori, abbiamo visto le prime farfalle!!

 Un  grande grazie va ai genitori che ogni giorno hanno procurato ai nostri bachi foglie fresche di gelsi.